Esercizi Spirituali dei Giovani

7 – 9 DICEMBRE 2018 – Centro di spiritualità di Marola

Vogliamo vedere Gesù” (Gv 12,21)

Tre giorni di ascolto, silenzio e condivisione per fare ordine nella propria vita e imparare a pregare, lasciandosi ritrovare dal Signore.
Un tempo privilegiato e prezioso dove la Parola risuona con più forza, accompagnati da diversi sacerdoti e il vescovo Massimo in uno spirito ecclesiale con tanti altri giovani della nostra Chiesa.

 

Arrivi e sistemazione alle 18.00 di Venerdì 7 Dicembre.
Conclusione con la messa alle 16.30 di Domenica 9 Dicembre.

 

Portare:
– lenzuola/sacco a pelo
– asciugamani
– quaderno e Bibbia

 

Costo: € 90,00

 

Iscrizioni entro Venerdì 30 novembre 2018

Le iscrizioni agli esercizi spirituali sono terminate.

Sei interessato?
Hai qualche domanda da farci?

Scrivi al Servizio diocesano per la Pastorale Giovanile



Sei un catechista o
un educatore?

Scopri i percorsi dedicati ai formatori!


formazione-icone

Formazione

Le occasioni di formazione nella nostra diocesi sono moltissime

Cosa vai cercando?

News

RITIRO QUARESIMA GIOVANI 2019

Per continuare a realizzare il nostro desiderio di prenderci cura del tuo cammino di fede di giovane, come promesso, ti invitiamo al ritiro di Quaresima diocesano, sabato 16 e domenica 17 marzo 2019, presso la Casa di Spiritualità diocesana di Marola (RE).

IMG_0553

“Ha guardato l’umiltà della sua serva”. E’ questo il titolo che farà da guida alle riflessioni del Vescovo Massimo nel tradizionale appuntamento di Quaresima rivolto ai giovani della nostra diocesi. Ester, Giuditta e Rut sono le tre figure femminili bibliche dalle quali mons. Camisasca prenderà spunto per le meditazioni nelle tre serate.

settimana_comu

«Ci sono un correggese, un guastallese e un santilariese…» no, non è l’inizio di una barzelletta in salsa reggiana. Potrebbe invece essere un possibile modo per parlare di una comunità molto particolare che vive a Reggio Emilia al civico 93 di Viale Timavo. Civico diventato famoso negli ultimi mesi sui giornali per il suo futuro universitario ma che prima ancora di essere un immobile dal nome “Seminario Vescovile” è la casa di 15 ragazzi.